Lingua: Italiano
Lingua:

Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP: arriva la certificazione Kosher.

Dopo alcune versioni IGP, finalmente anche la versione più nobile dell’aceto balsamico potrà arrivare sulle tavole degli ebrei osservanti: l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP dell’azienda Bonini di San Cesario sul Panaro ha infatti ottenuto il certificato Kosher –
valido anche per la Pasqua ebraica o Pesach – da parte dell’International Kosher Council, con sede a New York.

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP Bonini – frutto della passione del titolare, Fabio Massimo Bonini – nasce alle porte di Modena. È quindi esclusivamente seguendo la tradizione modenese che vengono realizzati l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e i condimenti, utilizzando un unico ingrediente: il mosto d’uva Trebbiano cotto. La lenta acetificazione del mosto dà vita ad un prodotto di estrema qualità che, negli anni, ha conquistato alcune tra le tavole più ambite di tutto il mondo.

Nel mondo vivono oltre 14 milioni di persone di fede ebraica, mentre in italia sono circa 30.000 quelli iscritti alle 21 Comunità del paese, principalmente divisi tra le province di Roma e Milano. Ma il bacino di utenza di questi prodotti è molto più ampio: la certificazione Kosher è infatti percepita come garanzia di salubrità, genuinità e pulizia, tanto che negli Stati Uniti – secondo un’indagine del gruppo Mintel – soltanto il 15 per cento di chi compra kosher lo fa per convinzione religiosa.

“La nostra produzione è limitata ma di alta qualità – afferma Fabio Massimo Bonini – e la certificazione Kosher per il nostro Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e i condimenti più giovani ne è la dimostrazione. Da alcuni anni vivo negli Stati Uniti e mi sono accorto dell’alta percezione di qualità che gravita attorno ai prodotti certificati Kosher, e per questo motivo ci siamo impegnati per ottenere questo importante riconoscimento”.

È un periodo davvero intenso per Balsamico Bonini, che proprio in questi giorni è stato annunciato come nuovo partner di Longino e Cardenal, distributore specializzato in cibi rari e preziosi con sedi in Italia, Dubai e Hong Kong.